Ripassiamo l’italiano: nepotismo, merito, pudore, vergogna, inadeguato, onore, giustizia, carriera, padre, figlia…

Posted on 2 dicembre 2010

9


Elenco di parole chiave dal significato ormai dimenticato. Eppure il vocabolario on line è gratuito e consultabile da tutti. Mi sono dimenticato qualche altro termine? Si accettano suggerimenti.

nepotìsmo [nepo’tizmo]
s.m.
1
la tendenza dei Papi, in certi periodi storici, a favorire i propri familiari
2
[in senso figurato] il favorire parenti e amici nell’assegnazione di incarichi, uffici, ecc.

mèrito [‘mɛrito]
s.m.
1
ciò che rende una persona degna di stima o di ricompensa
2
qualità positiva di una cosa o di una persona

pudóre [pu’dore]
s.m.
1
sentimento di avversione verso cose che appaiono oscene e disoneste
2
per estensione, giusto ritegno, misura

vergógna [ver’goɲɲa] s.f.
1
il turbamento dello spirito di chi ha commesso o sta per commettere un atto disonorevole; mortificazione; pudore
2
senso di pudore o timidezza
3
atto o persona che rechi vergogna

inadeguàto [inade’gwato]
agg.
che non ha i requisiti necessari per un uso o uno scopo; sproporzionato

onóre [o’nore] s.m.
1 buona reputazione acquistata con l’onestà, coi meriti; rispettabilità, dignità; più genericamente, vanto, gloria
2
atto d’omaggio, dimostrazione di riverenza a persona meritevole

giustìzia [ʤu’stitsja] s.f.
1
virtù per cui si dà a ciascuno ciò che gli è dovuto
2
situazione conforme al giusto

carrièra [kar’rjɛra]
s.f.
1
forte andatura, velocità
2
ramo di attività
3
avanzamento in una professione, in un impiego

cosciènza [koʃ’ʃɛntsa]
s.f.
1
consapevolezza di se stesso, delle proprie azioni, dei propri scopi
2
sentimento che ciascun individuo ha dei valori morali; criterio di giudizio del bene e del male; dirittura morale
3
impegno, serietà nel compiere il proprio dovere o nell’eseguire un lavoro
4
sensibilità per determinati problemi che implichino un rapporto tra individuo e società

dignità [diɲɲi’ta]
s.f.inv.
1
nobiltà che l’uomo ha per sua natura, per i suoi pregi
2
grado, ufficio elevato
3
persona che occupa un’alta carica

moràle [mo’rale]
agg., s.f., s.m.
1
che concerne la sfera della moralità, i valori etici
2
che è conforme ai principi del giusto e dell’onesto
3
che concerne lo spirito (in contrapposizione alla materia)
4
la dottrina filosofica o religiosa che definisce le norme dell’agire mirano
5
l’insieme delle norme regolanti la vita individuale e sociale

sdégno [‘zdeɲɲo]
s.m.
risentimento, irritazione provocata da qualcosa che non si può tollerare specialmente perché offende il senso morale; disprezzo

pàdre [‘padre]
s.m.
l’uomo che ha generato dei figli

fìglia [‘fiʎʎa]
s.f.
1 la generata rispetto ai genitori

Annunci