Scoop! Mazara del Vallo usurpa a Cagliari il titolo di “Capitale del Mediterraneo”! Floris assiste impotente! Dimissioni!

Posted on 20 dicembre 2010

24


Una beffa. Una tragedia. Anni di lavoro buttati al vento. Il vanto dell’amministrazione del sindaco Emilio Floris gettato alle ortiche. Un’azione di marketing che aveva interessato i cinque continenti fuliau a s’aliga. E per che cosa? E per chi? Ma po prexeri! Diciamola tutta: una geniale intuizione letteralmente scippata! Un ambìto titolo di cui ora si potrà fregiare una insignificante cittadina siciliana, nota alle cronache solo per aver dato i natali a tanti pescatori adusi a farsi sequestrare i pescherecci dai libici. Gentixedda, diciamolo: gentixedda.

E’ con grande tristezza che mi assumo la responsabilità di divulgare questa notizia ai miei concittadini. Vi prego, non voletemene. Io sono solo l’ambasciatore, l’araldo. Pietà di me per quello che sto per dirvi. Il nostro peggior incubo si è avverato: Cagliari non è più la Capitale del Mediterraneo. Lo ripeto: Cagliari non è più la Capitale del Mediterraneo! La vera e unica capitale del Mediterraneo è infatti… MAZARA DEL VALLO! Sconcerto. Disillusione. Tragedia. Morte.

La tragica conferma arriva da internet: “Con il finanziamento per la ristrutturazione di San Carlo e di Casa Tunisia, la nostra Città compie un importante salto in avanti, per affermarsi quale piccola, grande Capitale del Mediterraneo”. A parlare è Nicola Cristaldi, il sindaco di quella bidda siciliana che non voglio neanche più nominare.

Leggete, leggete! : http://www.mazaranews.com/news/290/mazara-finanziati-progetti-dalla-regione

E’ vero, molti erano scettici. In tanti da tempo sostenevano che questa storia di “Cagliari Capitale del Mediterraneo” fosse una solenne cazzata. Ma perché lo dicevano? Forse erano dei sotterranei sostenitori della candidatura siciliana? Erano schifosi traditori della causa casteddaia? O forse sapevano già tutto e volevano prepararci al peggio?

Ma che senso ha chiederselo ora che tutto è perduto? Certo, i perfidi siciliani sapevano di noi, del grandioso progetto che il sindaco Floris portava avanti dal 2001 di fare di Cagliari l’unica, grande, inimitabile Capitale del Mediterraneo. Lo sapevano e hanno voluto umiliarci. Perché infatti assegnare la supervisione delle due opere finanziate all’ingegner Nicolò Sardo? Sardo, capito? SARDO! E’ evidente che c’era la volontà di provocarci, di irriderci.

Penso che la città adesso debba farsi un esame di coscienza. Un mea culpa. In tanti non hanno creduto, in tanti hanno ironizzato. IO PER PRIMO E VI CHIEDO PUBBLICAMENTE SCUSA! In tanti hanno sottovalutato le implicazioni legate allo status di Capitale del Mediterraneo. E adesso ne pagheremo le conseguenze. Tutti quanti, nessuno escluso.

E anche la politica deve assumersi le sue responsabilità. Lo dico a costo di farmi dei nemici, ma è davanti a tragedie come questa che bisogna trovare quel coraggio che non si è mai avuto prima.

E mi rivolgo direttamente al sindaco Floris.

Sindaco! I cagliaritani ti hanno perdonato la distruzione del Poetto, avvenuta senza che tu muovessi un dito! Ti hanno perdonato quella cagata di stadio Sant’Elia e il fatto che il Cagliari non giocherà più in città! Ti hanno perdonato di non aver costruito case popolari e di aver invece favorito i grandi speculatori del mattone! Ti hanno perdonato perfino la sconcezza di piazzetta Maxia! Ma questo no, questo non ce lo potevi fare, questo i cagliaritani non te lo perdoneranno mai. Io “Cagliari Capitale del Mediterraneo” me lo ero persino tatuato! Non si interrompe così un sogno. Vergogna!

Sindaco! Solo una cosa può restituire l’onore a questa città umiliata da quella bidda siciliana che non voglio neppure nominare: le tue dimissioni. Mi dispiace, ma è così. Peccato, perché io ci avevo creduto. Peccato…

Annunci