Comunali a Cagliari: l’Idv dice no alle primarie e abbandona l’alleanza! Si sfideranno Cabras, Zedda, Frongia, Petrucci e Andreozzi. Chi vincerà?

Posted on 31 dicembre 2010

46


Ora è ufficiale: saranno le primarie a decidere chi sarà il candidato sindaco del centrosinistra per le prossime Comunali a Cagliari. Ma c’è un colpo di scena: all’ultimo momento l’Italia dei Valori è uscita dall’alleanza. A sfidarsi il prossimo 30 gennaio 2011 saranno dunque Antonello Cabras (Pd), Massimo Zedda (Sel), Tiziana Frongia (Verdi), e due candidati dell’ultimora: il sorprendente Filippo Petrucci e lo sconosciuto Giuseppe Andreozzi dei Rossomori.

Innanzitutto, perché l’Italia dei Valori ha rotto con il centrosinistra? Per capirlo basta leggere con attenzione la nota della segreteria regionale: “Calando prematuramente le candidature a mezzo stampa si è preferito mettere dinanzi al fatto compiuto della contrapposizione tra partiti nel centro sinistra. Per altri importanti centri e territori è anche peggio, con prospettive di alleanza del PD o di suoi pezzi con partiti organici alla destra o con la volontà di escludere IDV, come a livello nazionale”. Detto in italiano: trattasi di banale ritorsione perché il Pd, in altri comuni italiani, non ha dato il via libera ad alcuni candidati dell’Idv. Niente di più, niente di meno.

Cosa farà ora l’Italia dei Valori? Presenterà un proprio candidato sindaco, per poi cercare l’alleanza nel caso in cui Cabras dovesse arrivare al ballottaggio.

La sorpresa? Filippo Petrucci. Un giovane trentenne, praticamente sconosciuto, che riesce a raccogliere le 1653 firme necessarie è un segno di un grande malcontento della base del centrosinistra contro Cabras che i partiti non devono sottovalutare.

E gli altri? La candidatura di Tiziana Frongia è incomprensibile. Il partito dei Verdi di fatto in città non esiste e non si comprende per quali motivi creda di avere visibilità da una competizione elettorale che regalerà quasi sicuramente percentuali irrisorie.

Allo stesso modo non si capisce per quale motivo all’ultimo momento si siano svegliati i Rossomori che hanno candidato Giuseppe Andreozzi, avvocato e consigliere nella IV circoscrizione. Perché Claudia Zuncheddu non ha accettato la sfida, lei che è consigliere comunale e regionale? Il rischio per i Verdi e i Rossomori è adesso di venire superati da un outsider come Petrucci.

Sì, ma chi vincerà le primarie? Non credo ad un “effetto Milano”. Per cui, le vincerà Cabras. Il punto è con quale percentuale. Per questo è importante ricordarsi cosa accadde cinque anni fa, perché quei dati saranno un punto di riferimento imprescindibile per valutare ciò che accadrà il prossimo 30 gennaio.

Il 29 gennaio del 2006, andarono a votare in 7397. Gian Mario Selis (sostenuto da Democratici di Sinistra, La Margherita, Progetto Sardegna, Socialisti Democratici Uniti, Udeur, Repubblicani Europei, Liberali, Colori della Terra) si impose con il 47,6 per cento (pari a 3499 voti), seguito da Gianni Loy (indipendente) con il 22,9 (1684 voti), Patrizio Rovelli (sardisti e radicali) con 21,6 (1590 voti) e Fausto Ferrara (indipendente) con il 7,7 per cento (565 voti). Per la cronaca, le nulle furono 35 e le bianche 24.

E il 30 gennaio 2011 cosa succederà? Si accettano scommesse.

Annunci