Nosusu zacchendisì de su famini e la Regione non spende un miliardo di euro di fondi Ue! Da Bruxelles una letteraccia per il presidente Cappellacci: eccola

Posted on 8 giugno 2011

70


Che le regioni italiane non riescano a spendere i fondi europei è cosa risaputa; che la Sardegna non abbia saputo utilizzare al meglio in passato le risorse comunitarie è verità assodata. Ma che la situazione stia peggiorando è invece una notizia, e ci arriva direttamente da Bruxelles.

Date uno sguardo a questa nota_Ue, scritta nei giorni scorsi nientemeno che dal componente della Commissione Europea Johannes Hahn al presidente della Regione Ugo Cappellacci, e inviata per conoscenza al ministro Fitto e all’assessore La Spisa. Ricordo che la Commissione Europea è una sorta di Consiglio dei Ministri dell’Ue e che il signor Hahn (austriaco) è una sorta di ministro per le politiche regionali. Così, tanto per capire di chi stiamo parlando.

Hahn dice cose semplici semplici che capirebbero anche i bambini.

La prima: “Il programma Por Sardegna 2007-2013 accusa ritardi che rendono concreto il rischio di riduzione delle risorse comunitarie”. Perché se i soldi non vengono spesi, al giro successivo Bruxelles ne assegna di meno. La beffa è doppia: non spendiamo quelli che abbiamo e ci riducono quelli che ci daranno: una figata.

Ma quanto abbiamo speso finora? “A fine febbraio 2011 328,2 milioni di euro, pari al 19 per cento del totale”. Cioè, mentre Cappellacci e La Spisa ci spacciano come grande investimento per il lavoro investimenti per duecento milioni in quattro anni, abbiamo oltre un miliardo da spendere in due anni e non siamo in grado di fare nulla?! Se 200 milioni in quattro anni sono una notizia da prima pagina e da apertura di tg, per un miliardo di euro che ci sono da spendere in due anni ma che questa giunta non riesce a “mettere a correre” che cazzo dovremmo fare, un’edizione straordinaria?! Che cosa? Come dovremmo dare la notizia ai sardi? Ditemelo voi.

La Spisa dice però che la Regione Sardegna spende però in media più delle altre regioni del Mezzogiorno: capirai la soddisfazione! L’assessore al Bilancio però non dice niente sull’osservazione fatta dal signor Hahn: “Il trend di attuazione appare particolarmente preoccupante poiché il dato della spesa di fine febbraio 2011 è stato di tre soli punti percentuali superiore a quello di febbraio2010”. La colpa insomma, non è di Soru, ma tutta di questa giunta di centrodestra che ha cambiato in due anni non so più quanti assessori.

Ma come se non bastasse, il signor Hahn dice due cose ancora più preoccupanti. La prima è che la Regione Sardegna se ne fotte allegramente delle indicazioni date dalla Commissione Europea per spendere meglio le risorse. Lo scorso mese di aprile sono venuti a Cagliari i rappresentanti di Bruxelles e del Ministero dello Sviluppo Economico ma “dall’incontro non sono emersi elementi tali da individuare la fine della situazione di stallo e l’inizio di un circolo virtuoso”. Capito?

Non solo: “Al contrario, è apparso che per alcune parti dell’Amministrazione il Programma è considerato come una cassa cui attingere secondo le esigenze del momento e senza la dovuta osservanza delle condizioni vigenti”! Capito la Regione Sardegna? Usa i Fondi Por alla stregua di un bancomat, non per sostenere azioni economiche ci facciano uscire dalla crisi strutturale in cui ci troviamo rispetto alle altre regioni europee più progredite ma per finanziare iniziative episodiche, senza un progetto, senza un’idea! Soldi praticamente buttati. E nosusu zacchendisì de su famini!

Riepilogando: abbiamo più di un miliardo di euro da utilizzare contro la crisi ma non lo spendiamo; le poche risorse che impegniamo le stiamo praticamente sprecando; la Commissione Europea ci ha dato dei consigli per uscire da questa situazione di stallo ma stiamo facendo esattamente il contrario di quello che ci hanno suggerito.

Di questo dovrebbe occuparsi la Giunta regionale. Invece l’altro giorno a Villa Devoto c’era un vertice del centrodestra per capire cosa fare dopo la sconfitta alle amministrative. In ogni caso, l’assessore La Spisa, in un comunicato stampa che vi offro nella sua interezza, dice che “si tratta di questioni difficili e importanti di cui tutti dovremmo assumerci una responsabilità forte e grave”. Scusa, tutti chi?

***

Cagliari, 7 Giugno 2011 – “Sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale la lettera del commissario Hahn è certamente preoccupante ma si tratta di una comunicazione inviata a tutte le regioni a rischio disimpegno: si tratta di sette miliardi di euro in tutta Italia. Ribadisco che la percentuale di spesa della Regione Sardegna è del 19 per cento, come sottolineato dallo stesso commissario, mentre la media italiana è del 18 per cento e quella delle regioni meridionali è dell’8 per cento. La Regione Sardegna spende quindi più delle altre”. 

E’ quanto affermato dal vice presidente della Regione e assessore della Programmazione, Giorgio La Spisa, replicando in Consiglio alle osservazioni dell’opposizione in merito alle risorse comunitarie. 

“Il problema è che questo programma è partito nel 2007 – ha sottolineato La Spisa – ed entro il 2009 si sarebbero dovuti spendere 264 milioni. A marzo del 2009 quando si è insediata questa Giunta era stato speso un milione cioè lo 0,3 per cento di quanto si doveva spendere nei primi due anni. Il Programma è partito con una lentezza incredibile e si è dovuto inseguire il tempo arrivando a una spesa entro il 31 dicembre del 2009 di 273 milioni tra i quali i 233 del Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese.

“E’ vero che per il 2011 dobbiamo spendere 640 milioni – ha concluso il vice presidente della Regione – ne abbiamo già spesi 350 e la percentuale è certamente significativa e sostenuta. Proprio in questi giorni abbiamo già fissato alcune riunioni importanti con gli uffici e gli assessori competenti per affrontare le giuste decisioni in questa direzione. Si tratta di questioni difficili e importanti di cui tutti dovremmo assumerci una responsabilità forte e grave”. 

Annunci
Posted in: Politica, Sardegna