Al di la del bene e del male: l’Unione Sarda censura un necrologio in cui si dice “Non necrologi ma opere di bene”. Ciao Zarmu, martedì 27 faremo una festa per te e Los Quinchos

Posted on 25 dicembre 2011

36


Ricevo e pubblico. Detto questo: che l’Unione Sarda censurasse le notizie ne avevo sentore, ma che censurasse anche i necrologi proprio no. Ormai siamo al di la del bene e del male e di ogni forma riconosciuta di ridicolo, di arroganza e di indecenza. Per quanto potete, fate girare quest’annuncio. Buon Natale a tutti.

***

Il 22 dicembre, una settimana dopo il suo 44esimo compleanno, Zarmu ci ha salutati con l’Amore e l’umanità che solo le grandi persone sanno trasmettere. Forti dei suoi insegnamenti e della sua saggezza, dopo averlo accompagnato in cimitero, abbiamo deciso di fargli una grande festa e salutarlo in allegria, contraccambiando il sorriso che ci ha sempre regalato. Come ha espressamente richiesto, vi chiediamo di non fare necrologi né di inviare fiori ma, se lo desiderate, utilizzate quella stessa somma per aiutare qualcuno.

Queste sono le poche ma importanti parole che il giorno dopo la sua scomparsa avremo voluto pubblicare sul giornale noi della sua famiglia come unico annuncio, per avvisare i pochi amici che ancora non fossero venuti a conoscenza della sua morte e delle sue volontà.

Purtroppo non abbiamo potuto, perché ci è stato negato il diritto di farlo dalla PBM, concessionaria per la pubblicità sull’Unione Sarda. In questo mondo assurdo contro il quale Zarmu ha investito la sua vita lottando sempre contro qualsiasi tipo d’ingiustizia, può capitare che le volontà dettate da un Uomo in punto di morte vengano calpestate e negate da un’agenzia di pubblicità che (non avendo ovviamente nessun concorrente nel settore), può permettersi di rifiutarsi di pubblicare un annuncio come il nostro, negando di fatto un servizio che in un paese libero dovrebbe essere garantito a chiunque perché, invitando a non spendere soldi in necrologi ma in opere di bene, poteva minare le loro possibilità di profitto.

Disgustati da una simile bassezza, è nostra intenzione, oltrechè nostro dovere, denunciare a più persone possibile lo squallore di queste persone che antepongono il vile profitto anche di fronte alle ultime richieste di un Uomo che muore, e per questo vi preghiamo di diffondere il più possibile questa informazione attraverso qualsiasi mezzo abbiate a disposizione.

Detto questo, vi diamo l’appuntamento per la festa di saluto a Zarmu e di raccolta fondi per i suoi amati bambini de Los Quinchos a martedì 27 dicembre 2011, dalle ore 18.00 in poi, presso la Fiera della Sardegna, Padiglione H.

Alla festa ognuno sarà libero di portare chi vuole e ciò che vuole, e durante tutta la durata della festa sarà possibile fare una donazione a favore dell’associazione Los Quinchos, della quale qui sotto forniamo una breve descrizione.

Vi aspettiamo, ringraziandovi dell’immenso affetto e dell’immenso calore che ci avete dimostrato in tutti questi giorni.

LOS QUINCHOS – MAI PIU’ BAMBINI DI STRADA!
Il Progetto Los Quinchos, fondato nel 1991 in Nicaragua dalla sarda Zelinda Roccia, accoglie bambini e bambine abbandonati e maltrattati. E’ una struttura articolata e dinamica che si avvale dell’opera appassionata di circa quaranta tra educatori ed educatrici, psicologi, maestri artigiani, assistenti, amministrativi, tutti nicaraguensi. Si sostiene con la contribuzione della solidarietà di base, per mezzo dei Comitati e Associazioni italiane dell’Adda, di Bolzano, Brescia, Cagliari e Firenze, i cui i volontari sono impegnati a diffondere la conoscenza del Progetto e la cultura della Pace e della Solidarietà tra i popoli. I contributi appassionati di volontari e gruppi internazionalisti di molti Paesi contribuisce al progresso del Progetto nella piena condivisione della lotta contro l’ingiustizia. L’obiettivo è il reinserimento dei bambini nella loro società offrendo loro le opportunità finora negate sul piano dei diritti umani: il diritto di vivere serenamente la loro infanzia e la conoscenza dei loro diritti e doveri di futuri cittadini.

Si può contribuire al sostegno del Progetto attraverso le Associazioni in Italia:

– Con un contributo di qualsiasi importo tramite cc bancario e/o postale

– Destinando il 5xmille nella dichiarazione dei redditi, con l’indicazione del Codice Fiscale dell’Associazione

– Ogni contributo è deducibile/detraibile nella denuncia dei redditi conservando le ricevute dei versamenti.

– Con 50 euro al mese si può adottare a distanza un bambino del quale si riceveranno foto e informazioni.

– Ogni contributo è deducibile/detraibile nella denuncia dei redditi conservando le ricevute dei versamenti.

losquinchos.cagliari@gmail.com

340 3964581 (Franco)

070 301237 (Susanna)

Conto corrente postale n. 10603090
IBAN: IT2810760104800000010603090
intestato a: Associazione Los Quinchos Cagliari onlus
Conto corrente bancario n. 701707-36
Unicredit Banca di Roma Cagliari Ag.Sonnino 31401
IBAN: IT 15 Y 03002 04801 000070170736
intestato a: Associazione Los Quinchos Cagliari onlus
Codice Fiscale:92073650928

Annunci