Zedda smonta l’Anfiteatro! Il Comune stanzia 320 mila euro per iniziare a smantellare l’orrida legnaia di Meli, Delogu e Floris

Posted on 7 febbraio 2012

32


E l’Anfiteatro Romano? Per lasciarlo così, abbandonato a se stesso, non era meglio continuare a fare gli spettacoli?”. Questa frase adesso non la sentirete più. Perché stasera la Giunta Zedda ha stanziato i primi 320 mila euro per lo smantellamento della disgraziata gradinata lignea ideata dal sovrintendente Mauro Meli, voluta dal sindaco Delogu, realizzata con la complicità dai sovrintendenti Segni Pulvirenti e Santoni, e tollerata dal sindaco Floris. Uno scempio vergognoso. Mi auguro che almeno su questa vicenda l’apocalittico Giorgio Todde non accusi la Giunta Zedda di aver preso la strada della cosiddetta “continuità amministrativa”.

***

Via libera, su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici Luisa Anna Marras, al primo progetto definitivo per lo smontaggio degli allestimenti dell’Anfiteatro. Finanziato con quasi 320mila euro di fondi comunali, il progetto (che ha ottenuto i pareri favorevoli della Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici e artistici per le province di Oristano e Cagliari e della Soprintendenza per i beni archeologici di Cagliari) tiene ampiamente conto della particolarità del sito e delle caratteristiche del monumento, già danneggiato dalla cosiddetta legnaia che attualmente lo sovrasta.

I primi interventi riguarderanno lo sfalcio e la pulizia del sito, da effettuare con aspiratori e scope morbide senza incidere sulle superfici del monumento: al termine delle operazioni tutto il materiale dovrà essere setacciato per l’eventuale recupero di materiale lapideo. I diserbanti saranno non inquinanti e non tingenti, tali da non alterare le qualità del monumento.

 Dopo la messa in sicurezza, che prevede anche il posizionamento e la protezione del materiale lapideo, la cronologia dei lavori è così definita: lo smontaggio degli arredi e delle finiture (a iniziare dalle ringhiere e dalle poltrone), lo smontaggio del primo anello e della rampa di accesso ai camerini, quello della platea con i blocchi-scale e il blocco-bagno posizionato sotto la stessa platea, lo smontaggio del palco e del blocco quadro sottostante, lo smontaggio e il sezionamento degli impianti elettrici, idrico-sanitario e antincendio, la rimozione delle pavimentazioni artificiali e quello delle strutture in elevazione. Tutto il materiale sarà spostato all’esterno del perimetro dell’Anfiteatro con mezzi di piccole dimensioni e non impattanti, e catalogato per altri utilizzi successivi.

Annunci