Ci scrive Gianluca: “Non paga, sfrutta i lavoratori, ostenta un lusso insopportabile: benvenuti in Sardegna, terra de l’imprenditore prevalente”. Lo conoscete?

Posted on 2 giugno 2012

59


La lettera di Matteo ha colpito molti. Perché ci siamo identificati in lui. Per quale motivo? Perché, nonostante le differenze di età e di formazione, più o meno tutti siamo incappati in quella figura di imprenditore da lui ben delineata. La Sardegna avrà pure lavoratori poco istruiti e formati, ma ha soprattutto imprenditori che non sanno fare il loro mestiere.
Anche l’amico Gianluca Floris è rimasto colpito dal racconto di Matteo, e (riprendendo un post uscito sul suo blog) ci ha inviato questa riflessione sulla figura del “l’imprenditore prevalente”. Per me è stata una sorpresa: perché ho scoperto di aver lavorato negli ultimi anni con Matteo e Gianluca, e di non essermene mai accorto!

 ***

Caro Matteo,

ho letto la tua mail e intuisco che tu conosca già la figura de “l’imprenditore prevalente”. Si tratta di una particolare figura di imprenditore, perché l’imprenditore prevalente ha infatti alcune peculiarità.

Innanzitutto la capacità di pagare meno di chiunque, sia i fornitori che i dipendenti (li tratta alla stessa maniera), visto che ha adottato un metodo infallibile.

Ecco dunque il “Metodo di pagamento dell’imprenditore prevalente”. È riferito ai dipendenti, ma è estensibile anche ai fornitori.

I primi due mesi non ti paga, il terzo mese ti paga il primo e ti promette che il mese dopo arriveranno tutti gli arretrati. Il quarto mese nulla. Il quinto mese ti paga il secondo e il sesto ti mette davanti i conti della società, piangendo, ma senza darti nulla. Il settimo mese fa circolare la notizia che la società è in vendita perché non ce la fa più. Intanto, a suo dire, si mette la mano in tasca e ti paga il terzo mese.

Inutile dire che dopo di ciò l’ottavo e il nono mese non si vede un euro.

Il decimo mese ti paga due mesi (il quarto e il quinto) perché c’è stato un miglioramento improvviso dei conti, sempre a suo dire. L’undicesimo e il dodicesimo mese paga con regolarità dando l’impressione che le cose si stiano mettendo meglio.

In realtà, alla fine dell’anno lui ti ha pagato sette mensilità delle tredici che ti spettano.

Altra caratteristica dell’imprenditore prevalente è che è alla costante ricerca di “giovani motivati” (leggi: disposti a essere pagati per sei ore e quaranta minuti lavorandone nove o dieci) e di dipendenti “maturi” (leggi: che partecipino al rischio d’impresa in cambio di ottocento euro).

Per finire l’imprenditore prevalente ha una convinzione: che lui debba continuare a fare impresa anche se non è capace di pagare con regolarità i suoi dipendenti e nemmeno i fornitori. Ha il diritto di continuare a fare l’imprenditore anche se il suo modello di gestione, in qualsiasi altra parte del pianeta, lo costringerebbe a portare i libri in tribunale.

Inoltre l’imprenditore prevalente riesce ad agire senza tener conto del mercato reale. Lui mostra conti disastrosi per “sensibilizzare” i suoi dipendenti e i fornitori, ma la verità è che la sua principale attività è quella di trovare finanziamenti e contributi a fondo perduto, o quasi.

Assume solo persone che danno diritto ad agevolazione fiscale e, quando vengono a cessare i benefici, li licenzia oppure assume personale anche inutile per avere diritto a particolari sgravi o contributi. O peggio ancora: prende solo giovani stagisti (tipo PIP o come si chiama) con la promessa di assumerli alla fine del periodo. Inutile dire che non lo farà mai.

Per finire, anche con le mensilità ancora da pagare ai dipendenti, l’imprenditore non rinuncerà mai a cambiarsi la macchina ogni anno, a vestirsi nelle migliori boutique e a fare vacanze esotiche in resort di lusso.

L’avvertimento che mi sento di dare è quello di fuggire da questo tipo di imprenditore. Non conviene a voi dipendenti e non conviene a voi fornitori.

Potrebbe anche capitarvi di ricevere da lui una proposta di mettervi in società. Inutile dire quello che già immaginate: non fatelo. Mai.

Gianluca Floris

 

Advertisements
Posted in: Sardegna