Ci scrive BimboRosso: “Alla Marina dopo le assemblee, non cambia nulla! Anzi, la giunta Zedda continua ad accontentare solamente i ristoratori!”

Posted on 3 luglio 2012

85


Ricevo e pubblico. In effetti, anche io penso che la presenza dei tavolini per le strade della Marina stia diventando eccessiva. La pedonalizzazione non può fare rima solo con… ristorazione!

***

Caro Vito,

ti scrivo in merito a quanto sta accadendo nel quartiere Marina, in ambito pedonalizzazione: 
viene organizzata un’assemblea pubblica, con tanto di Sindaco ed assessori. I residenti espongono le proprie perplessità e le proprie opinioni, alcuni civilmente, altri in modo esagerato. Il risultato è un totale nulla di fatto: i cittadini non vengono presi in considerazione e si accontentano in tutto e per tutto i commercianti.

L’assemblea risulta essere un simpatico teatrino, attraverso il quale, l’amministrazione si permette di asserire che vi è stata concertazione sia con i residenti che con i commercianti. L’assessore Coni, realizza le previsioni dei ristoratori della zona che, probabilmente, grazie al dono della divinazione erano già a conoscenza della futura pedonalizzazione da tempo immemore (da Gennaio già ne parlavano come cosa fatta, millantando amicizie con influenti personalità all’interno del Comune…); l’assessore Leo tradisce l’impegno personale di riposizionare i molti cassonetti che sono stati levati su pressione dei ristoratori, ma, in compenso l’assessore Argiolas concede una sfilza di permessi per il posizionamento di tavolini all’aperto per permettere ai turisti di poter tranquillamente mangiare immersi fra le blatte e i topi.

Notizia di stamani è che i ristoratori della via Cavour hanno richiesto che le transenne che delimitano il passaggio per i pedoni ai lati della strada vengano levate poiché la loro presenza impedisce il posizionamento dei tavolini stessi come meglio preferiscono e, a quanto pare, con una qualche procedura d’urgenza, per l’ennesima volta, il Comune ha deciso di accontentarli. Tutto solo ed esclusivamente in funzione dei commercianti: il bene privato tutelato rispetto al bene della collettività.
 Spero tu possa interessarti a questa vicenda, fare luce e dare visibilità a quanto sta accadendo nell’indifferenza quasi generale.

Grazie.

BimboRosso

 

Advertisements
Posted in: Cagliari