Teatro Lirico di Cagliari, Zedda si impunta: come Sovrintendente vuole il vendoliano di ferro Silvio Maselli! Ma la maggioranza del cda non lo segue…

Posted on 24 luglio 2012

12


Le informazioni che arrivano dal Teatro Lirico di Cagliari sono poche ma significative. Ieri, ad un mese e un giorno esatti dalla scadenza del termine per la presentazione dei curricula degli aspiranti sovrintendenti, si è riunito il cda della Fondazione. Il presidente, il sindaco di Cagliari Massimo Zedda, avrebbe proposto al Consiglio di amministrazione un solo nome: quello di Silvio Maselli, presidente dell’Apulia Film Commission, ritenuto uomo di fiducia del presidente della Regione Puglia e leader di Sel, Nichi Vendola.

La proposta di Zedda avrebbe ottenuto solamente l’appoggio dei consiglieri Antonello Arru (rappresentante nominato dal cda) e Cristiano Cincotti, neo rappresentante del Comune di Cagliari. Contrari tutti gli altri (i rappresentanti della Regione Gualtiero Cualbu e Felicetto Contu, quelli del Ministero Maurizio Porcelli e Oscar Serci), che vorrebbero quantomeno poter scegliere fra una rosa di nomi. Ma Zedda pare irremovibile: Maselli o niente. Nessuna rosa, alternative non ce ne sono. Peccato che il sindaco però al momento sia in minoranza…

Maselli, a dire il vero, non sembra essere il più accreditato fra i candidati in campo. Se non altro perché non ha mai gestito un teatro, né vanta un’esperienza artistica alle spalle. Al di là dell’esperienza dell’Apulia Film Commission, il suo punto di forza è soprattutto la vicinanza a Sel e al suo leader: è stato infatti lui a dirigere la Fabbrica di Nichi, il comitato elettorale che ha portato alla presidenza della Regione Puglia Nichi Vendola.

In ogni caso, il cda si incontrerà nuovamente la settimana prossima e se non succederà niente di nuovo Zedda tornerà alla carica con il nome di Maselli. Chi la spunterà? Il sindaco riuscirà a convincere i consiglieri riottosi o dovrà fare dietrofront?

Una curiosità: ieri si è insediato il nuovo consigliere d’amministrazione espresso dal Comune di Cagliari Cincotti, ma Giorgio Baggiani (che era stato nominato dalla Giunta Floris poco prima della vittoria di Zedda) è stato tenuto fuori dalla porta: per lui niente insediamento. Come mai?

Una cosa è certa: la nomina del nuovo soprintendente era stata preannunciata qualche mese fa come una grande operazione trasparenza e invece si sta rivelando quanto di più opaco. Ad oggi non si conosce infatti neanche la lista completa degli aspiranti soprintendenti.

Comunque, il curriculum di Maselli è questo. A parte le Fabbriche di Nichi, direi che c’è tutto.

Nasce nel 1975 a Bari dove studia Scienze politiche, laureandosi in storia contemporanea. Dopo un master in “Management culturale”, va a vivere a Roma dove si occupa dapprima di distribuzione cinematografica, comunicazione, marketing ed eventi culturali e successivamente di gestione aziendale in Fandango. Dal 2004 è docente a contratto in “Tecniche delle produzioni audiovisive” presso l’Università degli Studi di Bari.

Dal 2005 al 2007 si occupa di comunicazione commerciale, istituzionale e politica a Bari, lavorando come account e analista strategico presso l’agenzia di comunicazione Proforma.

Dal luglio 2007 è il primo direttore generale della Apulia Film Commission, Fondazione istituita dalla Regione Puglia per attrarre investimenti nel settore dell’audiovisivo, accogliere le produzioni cinematografiche e presiedere alle politiche di sviluppo del settore audiovisivo in Puglia.

 

Advertisements