La Regione ha deciso: “Ambientalista fascista, sei il primo della lista!”. Ecco come un perfetto sconosciuto è finito nella Commissione Regionale per il Paesaggio!

Posted on 25 luglio 2012

18


Alberto Piras, chi era costui? Ma ragazzi, ma dai! Ma stiamo parlando del famoso ambientalista! Ajò, dai che lo conoscete! Eh, quante volte l’avrete visto in tv, in quelle iniziative contro l’inquinamento e contro la cementificazione delle coste… Dai!

Quindi? Niente? Proprio questo nome non vi dice niente? Strano. Perché la Regione Sardegna ha scelto proprio Alberto Piras (ingegner Alberto Piras, prego; mica un Alberto Piras qualunque) quale rappresentante del mondo ambientalista isolano all’interno dell’importantissimo Comitato regionale per il Paesaggio. Un organo importante, proprio ora che la Giunta Cappellacci ha deciso che la causa della nostra povertà è il Ppr, e che dunque il cemento dovrà ricoprire le nostre coste.

Cioè, non so se mi spiego, il Piras è uno che ha battuto la concorrenza di Vincenzo Tiana di Legambiente e di Maria Paola Morittu di Italia Nostra! La Regione ha scelto lui mica questi due sconosciuti! Il Piras è uno che conta! Il Piras è una potenza, uno che ha fatto più lui per l’ambientalismo sardo che non certi sfaticati che scrivono sui giornali! Oh, se poi non lo conosci il Piras sono anche fatti tuoi, vorrà dire che non sei informato.

Il Piras.

E qual è l’associazione del Piras? Ma daaaai! È la famossissima “Ambiente e/è vita Sardegna Onlus”. L’hai visto il sito? No? Fa niente, tanto non lo aggiornano da anni.

Ultima iniziativa visibile? “Concorso di idee per la sistemazione dell’area incolta di via Procida”. Minca! Potenti?

Attività svolte nel passato? Non cliccabile. Archivio? Non cliccabile. Link? Cliccabile, eccome se cliccabile! Alla casa madre nazionale (l’associazione è stata fondata dal compianto ex parlamentare missino e poi di An Nino Sospiri), al Ministero, alla Regione e al sito Casaggi Cagliari.

Ahhh, ma allora ditelo che siete fascisti ambientalisti! Molto ci voleva? Ci sono gli ambientalisti khomeinisti, ci sono quelli talebani, e ci sono anche i fascisti ambientalisti (con rispetto parlando e senza offesa, per carità). Ma molto ci voleva a dirlo? Ora abbiamo capito chi è l’ingegner Alberto Piras, noto ambientalista! Difficile confonderlo.

E poi l’associazione dove ha sede? Ma in piazza del Carmine 4, proprio dove si riunisce Casaggi Cagliari, ma dove anche l’assessore regionale Antonello Liori (uno che ogni anno in un noto ristorante cittadino festeggia la Marcia su Roma) ama incontrare i suoi elettori per piacevoli incontri di natura culturale e politica.

Tutto chiaro, nooo? L’ambientalista fascista è il primo della lista degli ambientalisti sardi più importanti. Lo dice la Regione, mica io.

Comunque Piras, mi stia a sentire: se vuole costruire una Casa Pound, mi raccomando: almeno a trecento metri dalla battigia che è altrimenti illegale. La sua nomina invece è stata assolutamente corretta. Lo dice anche l’assessore Rassu. La Regione doveva scegliere un ambientalista e ha scelto lei. Pitticu puru!

“All’interno di questa terna, la Giunta regionale ha individuato l’ingegner Piras come componente della Commissione in rappresentanza delle predette Associazioni. Ritengo quindi del tutto infondate e pretestuose le polemiche innescate da alcune Associazioni ambientaliste su questo tema, così come non corrisponde a verità l’affermazione che l’ingegner Piras sia un dipendente regionale”.

In effetti a lavorare alla Regione non è il Piras ma è il presidente dell’associazione “Ambiente e/è vita Sardegna Onlus”, Giuseppe Caredda. Magari pure all’assessorato all’Ambiente….

Ecco comunque il comunicato dell’assessore Rassu. A chi l’ambiente! A noi!

***

Commissione Paesaggio: Rassu “Polemiche sulla composizione infondate e pretestuose”

Cagliari, 25 luglio 2012. “La Giunta regionale, nel rigoroso rispetto delle norme di legge e del Codice del Paesaggio, ha predisposto gli atti per la costituzione della Commissione per il Paesaggio, attivando il coinvolgimento delle Università sarde e delle Associazioni portatrici di interessi diffusi. Lo ha fatto nei tempi e nei modi previsti. Non appena completate le terne di candidature presentate sia dalle Università che dalle Associazioni, la Giunta ha deliberato la costituzione della Commissione che è diventata operativa a partire dal 18 luglio scorso”.

Lo ha detto l’assessore regionale dell’Urbanistica, Nicola Rassu, in risposta alle dichiarazioni di alcune Associazioni ambientaliste sul tema della composizione della Commissione regionale del Paesaggio.

“Come già comunicato alle associazioni che hanno richiesto informazioni sull’argomento, si ribadisce ancora una volta che le associazioni ambientaliste coinvolte sono tutte regolarmente iscritte al Registro del Ministero dell’Ambiente, come facilmente riscontrabile nel sito dello stesso dicastero, e operano in Sardegna. Tre di queste hanno fornito i nomi per la costituzione della la terna di candidati, come previsto dal Codice, che è risultata composta dall’ingegner Tiana appartenente all’associazione Legambiente Sardegna, dalla dottoressa Morittu appartenente all’associazione Italia Nostra Sardegna e dall’ingegner Piras appartenente all’associazione Ambiente è Vita Sardegna”, ha aggiunto l’esponente dell’esecutivo.

“All’interno di questa terna, la Giunta regionale ha individuato l’ingegner Piras come componente della Commissione in rappresentanza delle predette Associazioni. Ritengo quindi del tutto infondate e pretestuose le polemiche innescate da alcune Associazioni ambientaliste su questo tema, così come non corrisponde a verità l’affermazione che l’ingegner Piras sia un dipendente regionale”.

Advertisements